Difesa Personale

CORSI DI DIFESA PERSONALE

ANNO 2013/2014

Inizio lezioni 18 settembre 2013

ORARI: Mercoledi dalle ore 20,00 alle 21,00

DIMOSTRAZIONE CORSI DI DIFESA PERSONALE E ANTI-AGGRESSIONE FEMMINILE

Tutto il mese di settembre  viene data la possibilità di frequentare  lezioni gratuite presso il nostro centro.

Settembre GRATIS La tessera associativa include: – affiliazione CSNL (Centro Sportivo Nazionale Libertas); – assicurazione .

La difesa personale deve essere vista come una cultura di prevenzione adatta a tutti. Lo studio di un’arte di difesa prima di tutto intende dare fiducia in sé stessi ed una conoscenza dei rischi e delle violenze, l’atteggiamento di una coscienza preventiva di qualsiasi attacco.

L’attività di difesa personale parte da due filosofie essenziali:

  • essere preparati
  • serve solo per difesa e mai per offesa

Le tecniche di difesa personale si differenziano per due caratteristiche fondamentali:

  • l’applicazione: devono cioè essere eseguite nel modo più efficace possibile, e soprattutto non ci sono esclusioni di colpi;
  • la durata: mentre l’allenamento sportivo prepara l’atleta ad affrontare incontri molto lunghi, suddivisi magari in più round, quello di autodifesa prepara l’allievo ad affrontare scontri che magari possono durare pochi secondi. Lo scopo non è ovviamente quello di totalizzare più punti dell’avversario, ma quello di terminare lo scontro a proprio favore e nel più breve tempo possibile.

Le tecniche di difesa dalle aggressioni fisiche sono molteplici e variano da scuola a scuola. Tutte però hanno in comune la ricerca della semplicità di esecuzione e l’efficacia. È importante che una tecnica di difesa entri nella memoria fisica di chi la esegue, cioè deve essere eseguita spontaneamente; la tecnica non deve essere pensata, deve essere eseguita e basta, come se il corpo reagisse per istinto. Non esiste una tecnica in assoluto più efficace di altre, ma esiste una linea guida da seguire affinché la tecnica utilizzata lo possa diventare.

Le più diffuse sono:

  • cercare di mantenere l’iniziativa, incalzando l’avversario per non dargli il tempo di reagire e possibilmente di attaccare;
  • puntare alle parti anatomiche più esposte e delicate (per es. occhi, naso, genitali);
  • ogni parte del corpo può diventare un’arma, senza dimenticare che praticamente qualsiasi oggetto può essere usato allo stesso scopo.